San Valentino nel mondo: tradizioni e curiosità

Consiglio di Viaggio Zanzibar

“I love you”, “Je t’aime”, “Ich liebe dich”, “Te quiero”, “Eu te amo”.

Ogni 14 febbraio, giorno di San Valentino, le coppie di tutto il mondo sono pronte a dirsi “Ti Amo” in modo speciale e romantico. In Italia vanno per la maggiore cene a lume di candela, mazzi di rose rosse e cioccolatini. Nel resto del mondo, però, le tradizioni sono molto diverse.

Sempre più di frequente, San Valentino è diventata l'occasione per organizzare un viaggio o un weekend di coppia - qui vi avevo parlato delle mete più romantiche: se è il vostro caso, vi consiglio di sottoscrivere una assicurazione viaggio Holins. Le polizze Holins garantiscono un’assistenza continua e intervengono anche in caso di imprevisti legati alla pandemia.

Se invece avete scelto di restare a casa, potete prendere spunto dalle tradizioni che vi racconto di seguito!

SAN VALENTINO: LA FESTA DI CHI SI VUOLE BENE

Negli Stati Uniti San Valentino è la festa di chi “si vuole bene” e quindi non riguarda solo le coppie di innamorati. Molto coinvolti sono ad esempio anche i bambini: preparano dolci manicaretti o graziosi bigliettini da regalare ai genitori, alle maestre o ai compagni di classe.

In Giappone, invece, a San Valentino sono le donne a regalare cioccolatini, acquistati o fatti in casa, ai loro compagni. Esattamente un mese dopo, il 14 marzo, nel giorno del “White Day”, tocca agli uomini ricambiare il gesto, sempre con cioccolatini, ma rigorosamente bianchi!

In Corea del Sud la tradizione è praticamente identica a quella giapponese, con la differenza che il 14 aprile si aggiunge il “Black Day”, ricorrenza dedicata ai single, che si riuniscono per mangiare insieme il jjajangmyeon (짜장면), un piatto a base di noodles accompagnati da una salsa di fagioli neri. 

SAN VALENTINO IN EUROPA

Se in Germania, Francia e Spagna il modo di celebrare la festa degli innamorati non differisce molto rispetto al nostro, in Inghilterra celeberrimi sono i romantici bigliettini che i fidanzati spediscono alla persona amata, conosciuti come “Valentine”. Usanza vuole che il mittente della missiva resti anonimo, per rendere il gesto più “misterioso” e allo stesso tempo “intrigante”. Questa tradizione risale al XV secolo quando Carlo D’Orleans, prigioniero nella torre di Londra, inviava lettere alla sua amata moglie: la chiamava, romanticamente, “ma tres doulce Valentinèè” e le lettere sono ancora conservate nella British Library di Londra.

Meno “impegnativi” i costumi in Finlandia ed Estonia: qui il 14 febbraio non si festeggia con una cena a lume di candela, ma è il “giorno degli amici” da passare in compagnia.

SAN VALENTINO O SANT'ANTONIO?

Non in tutti i Paesi però si festeggia il 14 febbraio. Sapevate, ad esempio, che in Brasile il giorno degli innamorati è il 12 giugno? Questa data precede la festa di Sant'Antonio, conosciuto anche come Casamenteiro, patrono dei matrimoni: secondo la tradizione, per l'intera giornata le donne single che desiderano sposarsi devono portare con sé una statuetta del santo che le aiuterà a trovare l'anima gemella.

ASSICURARE UN SAN VALENTINO AL RIPARO DA IMPREVISTI CON HOLINS

Se a San Valentino non vi accontentate di andare a cena nel miglior ristorante della città e preferite partire per qualche romantica meta vicina o lontana, non dimenticate di mettere al riparo il vostro soggiorno con una buona assicurazione viaggio. Vi ricordo, a questo proposito, che Holins propone un ampio ventaglio di prodotti tra cui scegliere, in base alle vostre esigenze: dalla classica assicurazione viaggio con assistenza sanitaria, spese mediche e bagaglio, alle coperture annullamento, valide anche in caso di obbligo di quarantena prima della partenza, fino alle soluzioni per i soggiorni di lunga durata. Cliccate qui per scoprire tutte le proposte firmate Holins e fare un preventivo approfittando del 10% di sconto!

ARTURO

Prima della sottoscrizione delle polizze Holins, leggere il set informativo su holins.it. Polizze sottoscritte con Inter Partner Assistance S.A.