Quale è il periodo migliore per andare in Norvegia?

quando andare in Norvegia

Per chi non è un amante del clima troppo caldo e vuole provare qualcosa di diverso dalle solite spiagge affollatissime del periodo estivo c’è una soluzione: la Norvegia. La Norvegia può essere visitata sia nel periodo invernale, in particolare all’inizio dell’inverno per ammirare l’aurora boreale, ma può anche essere luogo di vacanza in estate. Non esiste un vero e proprio periodo migliore per andare nel Paese, poiché tutto dipende dai gusti del singolo viaggiatore, ciò che cambia, tra estate e inverno, è sicuramente il paesaggio, oltre che il clima. In particolare, il clima norvegese in estate è molto mite e, per questo, adatto per grandi e piccini.

Il periodo migliore per un viaggio in Norvegia, per chi vuole visitare i Fiordi o fare delle piacevoli escursioni in barca, oltre che per gli amanti di festival, eventi ed escursioni tra le più importanti città, come Oslo o Sandefjord è senza dubbio l’estate. In particolare, alla fine del mese di maggio le giornate si allungano sempre più e, ovviamente, le notti si accorciano. Inoltre, questo fenomeno diventa sempre più intenso muovendosi verso nord, fino a culminare nel cosiddetto Sole di mezzanotte, che è tipico del Circolo Polare Artico. Lo spettacolo potrà essere ammirato nella città di Tromsø, una delle più indicate per godersi il Sole di Mezzanotte.

Il clima della Norvegia in Estate

Il clima della Norvegia in estate è molto favorevole: le giornate sono davvero lunghe, con un numero massimo di ore di luce tra il 20 e il 25 luglio. Qui, durante la stagione estiva, l’aria è molto secca, e il clima è piacevolmente ventoso e caldo. Le temperature estive variano a seconda che ci si trovi nell’entroterra o sulla costa. Nel primo caso, nell’entroterra boscoso, le temperature si aggirano intorno ai 18 gradi, mentre sulle coste si alzano fino a raggiungere i 25 gradi, fino ad un massimo di 30 gradi.

Norvegia Estate, ecco come vestirsi

Per la vacanza in Norvegia in estate occorre prestare attenzione all’abbigliamento. Segnaliamo tre aspetti:

  • innanzitutto, è importantissimo ripararsi dal sole, proteggendosi con crema solare (almeno 50+), cappello e occhiali da sole;
  • l’abbigliamento estivo può essere tranquillamente utilizzato anche se, per le escursioni quali le visite ai Fiordi, è consigliabile indossare anche qualcosa che ripari dal freddo, come un pile, e dalla pioggia, come un k-way;
  • per un viaggio a tappe con destinazione il Circolo Polare Artico, invece, occorre mettere in valigia dei capi di abbigliamento autunnali e qualcosa di più pesante. Questo, in particolare, per ripararsi dal freddo dovuto alla fortissima escursione termica tra giorno e notte.

I must da avere in valigia sono: scarpe comode, maglioncini di pile, costumi da bagno, abbigliamento comodo e k-way antipioggia.

Cosa vedere in Norvegia ad agosto: Capo Nord

Capo Nord è situato nella parte più a nord dell’isola di Mageroya e si trova a circa 2mila km dalla capitale Oslo. Qui, le temperature estive oscillano fra i 10° di giugno e i 12-14° ad agosto. Per una vacanza all’insegna dell’avventura, Capo Nord è raggiungibile in camper, mentre per visite un po’ più rilassanti è possibile optare per la crociera o l’aereo. Come detto in precedenza, in questa zona della Norvegia si potrà godere uno spettacolo unico al mondo: il Sole di Mezzanotte.

Quando vedere l’Aurora Boreale

Purtroppo, l’estate non è il periodo più indicato per andare a caccia dell’Aurora Boreale, poiché le possibilità di osservarla crescono in prossimità degli equinozi, dunque, tra i mesi di febbraio e marzo e di settembre e ottobre. Sarà possibile osservare l’Aurora Boreale in inverno muovendosi verso il Circolo Polare Artico, in particolare, grazie ai particolarissimi fenomeni magnetici che sono prodotti nelle ore in cui i raggi di luce riescono a filtrare dal buio della notte eterna invernale, quindi dalle ore 18 fino a mezzanotte. Si potrà andare alla ricerca di aurore boreali con tour guidati oppure, in particolare per le famiglie con figli, si potrà soggiornare nella città di Tromsø, che offre anch’essa questi magnifici spettacoli.

L’importanza di un’assicurazione viaggio

Per godersi a pieno il viaggio in Norvegia, soprattutto se di lunga durata, può essere utile sottoscrivere un’assicurazione viaggio in grado di proteggere il turista da ogni imprevisto, dal furto dei bagagli allo smarrimento dei documenti. Anche un’assicurazione sanitaria di viaggio come quella offerta da Holins aiuta a muoversi liberamente per il territorio e godere delle bellezze e degli spettacoli naturali con minori preoccupazioni. La polizza sanitaria naturalmente può essere stipulata da chiunque: singoli, coppie e gruppi, oltre che da viaggiatori frequenti o abituali e servirà a coprire tutti i fattori di rischio legati alla salute, dalle spese mediche ai ricoveri, con assistenza specializzata attiva ogni giorno 24 ore su 24.

Condividi Facebook Condividi via Mail